Chi rimborsa la psicoterapia?

By paolo.bartaliniNo Comments

di Federico Zanon

La spesa per affrontare una psicoterapia può essere un aspetto che ostacola l’accesso delle persone alle prestazioni degli psicologi e psicoterapeuti. Ma alcune polizze assicurative per la copertura di spese sanitarie permettono di rimborsarne il costo. Una ricerca ha permesso di trovarne alcune. Ecco una prima parte dei risultati.

Le condizioni di rimborso sono molto variabili, così come i premi di polizza. Senza la pretesa di essere esaustivi, e rinunciando ad una valutazione che tenga conto del premio a carico dell’assicurato, questo articolo presenta una breve rassegna delle principali polizze che offrono rimborsi per la psicoterapia. La valutazione è effettuata soprattutto sulla base della capacità della polizza di coprire la spesa realmente da affrontare per un ordinario percorso di psicoterapia.

Occorre precisare che molti piani di copertura non sono di libera adesione, ma sono riservati ai dipendenti di specifiche aziende e a particolari categorie di lavoratori. Si tratta quindi di polizze sanitarie in convenzione, a cui non è possibile accedere se non si hanno specifici requisiti.

Ecco le prime polizze trovate: 

FASDAC (fondo assistenza sanitaria dirigenti aziende commerciali): da nomenclatore 2012 la polizza rimborsa un massimo di 50 sedute di psicoterapia l’anno, per 35 Euro ciascuna. Valutazione: ottima offerta, che copre buona parte della spesa reale per la psicoterapia.

CASAGIT: la polizza sanitaria integrativa dei giornalisti prevede un rimborso per le spese di psicoterapia di 30 Euro per seduta, per 30 sedute l’anno. Un rimborso globale di 900 Euro, erogabile anche per psicoterapia svolte da uno psicoterapeuta libero professionista. Valutazione: l’offerta è di ottimo livello, perché offre un rimborso compatibile con il costo reale di una psicoterapia.

UNIPOL [Unisalute]: la compagnia offre diverse polizze che prevedono rimborsi per la psicoterapia. Da segnalare la polizza Kasko per i danni conseguenti ad un incidente stradale con colpa, che rimborsa anche sedute di psicoterapia, e le polizze convenzionate per iscritti AUSER (associazione anziani) e UGL (sindacato). Le prestazioni della compagnia sono erogate esclusivamente attraverso una rete di professionisti convenzionati (dentisti, medici, psicoterapeuti), che in cambio di un flusso costante di invii applicano tariffe agevolate. Per la psicoterapia, esiste un accordo nazionale con MoPI (Movimento Psicologi Indipendenti) che prevede una franchigia versata direttamente dal cliente allo psicoterapeuta, e un ulteriore rimborso versato da UNISALUTE ad integrazione, fino a 75 Euro per seduta (fonte: MoPI). Valutazione: è una buona offerta, e si tratta di una forma di rimborso ibrida, con un costo che ricade parzialmente sul cliente. Non è chiaro il numero massimo di sedute rimborsabili.

FISDE (fondi integrativo sanitario gruppo Enel): rimborsa varie prestazioni psicologiche (non solo psicoterapia) per un totale di 520 Euro annui, al valore massimo di 40 Euro a prestazione. Valutazione: buona polizza, sopratutto per la varietà di prestazioni rimborsabili. Il limite di 520 Euro annui risulta basso rispetto ad altre polizze: permette di accedere ad una prestazione al mese da 40 euro.

ASSILT (assistenza sanitaria lavoratori telecom): rimborsa 80 sedute l’anno per un costo non precisato, per due anni consecutivi. Poi occorre attendere tre anni per accedere nuovamente al rimborso per la medesima prestazione. La psicoterapia può essere rimborsata soltanto se prescritta da una struttura pubblica di Neurologia o Neuropsichiatria, ma poi può essere svolta da qualunque psicoterapeuta iscritto ad albo. Allo scadere del primo anno è prevista una relazione da parte del terapeuta. Valutazione: a parte i vincoli di invio, la prestazione offerta è di ottimo livello e copre la reale cadenza e durata di una psicoterapia.

C’è poi chi esclude esplicitamente il rimborso per la psicoterapia, come la polizza FASI (Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa per dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi), o il Fondo EST (per dipendenti e dirigenti del settore commercio, turismo e affini). Quest’ultimo in particolare rappresenta una parte importante dei lavoratori italiani.

ALL’ESTERO…

In Svizzera, dove l’assicurazione sanitaria ha avuto uno sviluppo importante perché obbligatoria, le polizze offrono una gamma molto ampia di prestazioni, e le psicoterapia generalmente non mancano:

GROUPE MUTUEL: si tratta di un’assicurazione svizzera che offre polizze obbligatorie e complementari. La polizza obbligatoria (per cittadini svizzeri) descrive l’offerta in questo modo:  “Bisogna distinguere fra i trattamenti effettuati dai medici e quelli effettuati dagli psicologi. Se la psicoterapia è ad opera di un medico psichiatra o di uno psicoterapeuta delegato che lavora sotto la responsabilità di un medico, l’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie copre i costi per un massimo di 10 sedute. Queste prestazioni sono suscettibili di partecipazione ai costi (franchigia e/o quota-parte del 10%). In caso di necessità medica, la copertura include sedute supplementari. Quando invece la psicoterapia è ad opera di uno psicologo indipendente, non è prevista alcuna partecipazione da parte dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie.” Valutazione: per essere una polizza obbligatoria offre prestazioni interessanti, specie se paragonate all’offerta del servizio pubblico italiano. Tuttavia, i costi per la psicoterapia svolta con liberi professionisti non è rimborsabile e 10 sedute sono un limite importante.

CSS: offre diverse polizze, con premi e prestazioni differenziate. Ma il rimborso per la psicoterapia è pressoché costante: 40 Franchi Svizzeri per seduta (circa 30-35 euro), per un massimo di 20 sedute l’anno. Valutazione: certamente non copre l’effettiva spesa per una psicoterapia, ma se si considera che la prestazione è presente in quasi tutte le polizze offerte la valutazione è positiva.

La ricerca su questo tema continuerà. Nel frattempo, potete segnalarmi compagnie o polizze di vostra conoscenza che forniscano copertura per le spese di psicoterapia.

. L’interesse dimostrato ha portato a questo secondo articolo, in cui vorrei offrire aggiornamenti sulla situazione e interessanti suggerimenti dettati dall’esperienza dei colleghi.

Ecco in sintesi gli argomenti di cui parlerò:

  1. Le novità sulle polizze che includono la psicoterapia che ogni cittadino può stipulare
  2. Le polizze dedicate a categorie di lavoratori
  3. Suggerimenti su come usare e non usare queste informazioni
  4. L’uso delle polizze per coprire la psicoterapia didattica
  5. E infine, chi proprio non ne vuol sapere di psicologia e psicoterapia

 

(1)

Le polizze aperte a tutti.

 

Una prima, significativa novità riguarda UNISALUTE di UNIPOL. Una delle più grandi compagnie assicurative operanti in Italia offre prestazioni psicologiche di buon livello, ma solo nella Polizza Kasko e solo in seguito ad incidente stradale grave, che abbia provocato la morte di una persona oppure gravi lesioni fisiche dell’assicurato o dei familiari.
In questi due casi, dopo una prima valutazione a domicilio da parte di uno degli psicoterapeuti convenzionati con UNIPOL, potranno essere offerte prestazione per 6 o 12 mesi, mirate alla risoluzione del disturbo post-traumatico. Le prestazioni sono assicurate presso lo studio professionale dello psicoterapeuta per un massimo di 15 sedute se l’incidente ha provocato gravi lesioni a persona diversa dall’assicurato o dai suoi familiari.
Costo per l’assistito: ridotto, sono 39 Euro/anno la polizza generica. Vanno però considerate le diverse personalizzazioni possibili, che inevitabilmente fanno lievitare il prezzo.
Pregi: riconosce la centralità delle conseguenze psichiche del trauma stradale e offre una prestazione che pare complessivamente adeguata. Il prezzo è interessante.
Difetti: offre una copertura per le cure psicologiche limitata agli esiti di trauma stradale grave.

 

La seconda segnalazione importante è per WORLD WIDE CARE di ALLIANZ. Si tratta di una polizza pensata soprattutto per chi vive all’estero o si sposta spesso per lavoro, e quindi necessita di una copertura sanitaria anche per le spese sanitarie in paesi diversi dall’Italia.
La polizza ha 4 piani di base. Tutti coprono i costi per la psicoterapia e le spese psichiatriche solo in regime di ricovero o day hospital, ma basta aggiungere un piano integrativo per ottenere la copertura di 30 sedute di psicoterapia all’anno.
Costo per l’assistito: Con la combinazione Premier Individual + Gold Individual, al costo di 3500 Euro/anno è possibile ottenere la copertura per 30 sedute, con un controvalore di prestazioni che può andare dai 1500 ai 3000 euro. Con la combinazione Essential Individuale + Silver Individuale, al costo di 2500 Euro/annui è possibile ottenere un rimborso per 20 sedute di psicoterapia.
PREGI & DIFETTI: La qualità della polizza è molto alta in termini di prestazioni coperte, e i prezzi si adeguano di conseguenza. Occorre però molta attenzione al cosiddetto periodo di carenza a cui alcune prestazioni, fra cui le cure psicologiche e psicoterapiche, sono soggette. Si tratta di una clausola contrattuale per cui occorre essere assicurati da almeno 18 mesi prima di poter accedere al rimborso di alcune prestazioni. Un meccanismo cautelativo per evitare esborsi eccessivi da parte delle compagnie.

 

(2)

Le polizze riservate a specifiche categorie di lavoratori.

 

In questo caso, lo psicologo o psicoterapeuta può usare le informazioni che seguono per orientare la propria pubblicità ad un target specifico di lavoratori. Si passa così dall’ottica tradizionale di una promozione basata sugli ambiti di intervento (coppia, adulti, disturbi d’ansia, etc.) ad un’ottica basata sulle potenzialità di acquisto.

 

Ecco allora un aggiornamento delle categorie di lavoratori che beneficiano di una copertura per le spese di psicoterapia, verso cui è possibile rivolgersi per una promozione targettizzata:
  • Giornalisti iscritti alla cassa previdenziale INPGI, che abbiano stipulato la polizza integrativa CASAGIT.
  • Dipendenti della Banca d’Italia attraverso la CASPIE (Cassa di Assistenza Sanitaria tra il Personale dell’Istituto di Emissione).
  • Dipendenti del Gruppo ENEL, attraverso il FISDE (Fondo Integrativo Sanitario Dipendenti ENEL)
  • Dipendenti Telecom, attraverso ASSILT (Associazione per assistenza sanitaria integrativa delle aziende gruppo Telecom): si conferma un’ottima polizza, che copre nel dettaglio i testi di livello e di personalità, la psicoterapia fino a 35,00 Euro/seduta per 80 sedute l’anno, a cui si aggiunge la copertura per il trattamento residenziale delle dipendenze. Quest’ultimo è un plus che mi è particolarmente caro, perché è il mio settore professionale.
Molti colleghi mi segnalano che non è più attiva la convenzione MoPI-Unipol, che avevo incluso nel mio primo articolo. Unipol in effetti non ne fa menzione nel proprio sito.

 

(3)

I suggerimenti più interessanti dall’esperienza dei colleghi che mi hanno scritto.

 

Piccolo vademecum Fare/Non fare per l’uso delle informazioni che ho fornito nel mio articolo:

 

Non è utile rivolgersi direttamente alle compagnie assicurative ed offrirsi per forme di convenzione: di solito, se si organizzano convenzioni è la compagnia a muoversi per cercare professionisti, e generalmente si rivolge a strutture consolidate (case di cura, ospedali provati, grandi poliambulatori, etc.), dove può facilmente trovare una rosa di prestazioni in unica soluzione.

 

E’ utile sondare il proprio territorio alla ricerca di enti o aziende che offrono ai propri dipendenti una polizza a copertura della psicoterapia, e impostare un’azione di marketing molto focalizzata. Questo non significa, come mi ha scritto una collega, distribuire personalmente la propria brochure all’uscita: lei che si occupa di bambini ha scelto un gadget (6 matite colorate) con un claim molto semplice e l’indirizzo del proprio sito stampati sopra. E ovviamente ha ingaggiato una persona per distribuire il materiale.

 

E’ utile informare il paziente che potrebbe avere una polizza a copertura della psicoterapia. Spesso arrivano nei nostri studi persone interamente assorbite dai propri stati d’animo e aspettative, e dopo mesi scoprono casualmente di avere una parziale o totale copertura per la psicoterapia, magari perché si sono confidate con la collega di lavoro. Una psicologa mi ha scritto raccontandomi che una paziente le ha fatto rifare le parcelle, per adeguarle alle condizioni dettate dalla polizza!

 

Non è utile offrirsi direttamente alle aziende i cui dipendenti beneficiano di polizze, prima di tutto perché non è l’azienda a offrirla direttamente (di solito è una fondazione o un ente solidaristico, che acquistano le polizze “all’ingrosso” dalle compagnie), e poi perché nessuno può fornirvi dati personali sui lavoratori.

 

Non è utile cercare convenzioni in cui accreditarsi, con l’idea di ricevere invii: se esiste una copertura per la psicoterapia, generalmente copre le prestazioni di qualunque professionista abilitato e iscritto all’albo. Se esistono convenzioni, sono le compagnie a muoversi: UNIPOL ha una rete di professionisti convenzionati, ma c’è una ragione precisa ed è l’expertise nel campo dei disturbi post-traumatici.

 

(4)

L’uso del rimborso per coprire le spese per la psicoterapia didattica.

 

Questo tema, molto caro ai colleghi che mi hanno scritto, mette a nudo un problema importante della nostra professione: la necessità formativa di compiere un percorso di psicoterapia, in una fase di vita in cui è difficile coprirne i costi.

Quello che posso dire in merito è che nessuna polizza è concepita per andare in perdita. Partendo da questo presupposto, le compagnie tendono ad escludere spese, come quelle dentistiche o psicoterapiche, che non sono percepite come essenziali per la vita e la salute delle persone e che possono dar luogo ad esborsi economici importanti rispetto al premio pagato dall’assicurato.

Partire dal presupposto di stipulare una polizza per coprire le proprie spese di psicoterapia didattica può rivelarsi sbagliato dal punto di vista economico: il costo per la polizza potrebbe superare le spese di psicoterapia, oppure la compagnia potrebbe non voler rinnovare il contratto con noi l’anno successivo. Naturalmente, se si è nelle condizioni di appartenere ad una delle categorie di lavoratori che dispone di polizze speciali (dipendenti di banca, giornalisti CASAGIT, etc.) e al contempo di è in formazione psicoterapica, nulla vieta di usare con profitto la copertura assicurativa.

Su questo punto, così sentito fra colleghi, si dovrebbe forse promuovere un discorso solidaristico all’interno della categoria.

(5)

E infine, chi proprio non ne vuol sapere di psicologia e psicoterapia.
Alcune compagnie assicurative escludono esplicitamente le cure psicoterapiche e le cure in conseguenza di disturbi psichiatrici o mentali, anche nevrotici. L’esclusione è messa nero su bianco nel contratto.
Di solito si tratta di polizze che dedicano maggiore attenzione ad altri aspetti della copertura sanitaria, come i ricoveri, gli interventi chirurgici o gli indennizzi per perdite funzionali. Eccone alcune delle polizze che escludono esplicitamente la copertura:
  • PROTEZIONE SALUTE di AXA
  • ASSISANITARIA del gruppo STEFFANO
  • EURA SALUTE di EUROPE ASSISTANCE
  • SARAMEDICAL di SARA ASSICURAZIONI
  • DETTOFATTO SALUTE di ASSICURAZIONI GENERALI
  • POLIZZA SANITARIA INTEGRATIVA offerta dalla CASSA NAZIONALE COMMERCIALISTI

Concludo dicendo che la ricerca su questo tema non è stata facile. L’abitudine delle compagnie assicurative di privilegiare la pubblicità all’informazione ha reso laboriosa la ricerca dei dati concreti sulle polizze. Spero che il distillato che ne è uscito valga il tempo speso.

 di Federico Zanon

Se vuoi parlare con me privatamente di questo o di altri argomenti di psicologia inviami un messaggio compilando questo modulo

Inserisci questo codice: captcha

I dati inseriti saranno trattati in forma anonima secondo la normativa privacy vigente per gli psicologi.

Articoli

Inserisci il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllo antispam. Inserisci il numero mancante *

×